Gilda Domenica

Gilda Domenica

Caltagirone 1937

Cresce in una famiglia dove non mancano vena artistica e capacità artigianale: il padre musicista suona nella banda municipale, la madre è sarta. Apprende taglio e cucito, ma è destinata a un'esistenza, inizialmente non facile per una serie di circostanze, di moglie e di madre. Rimasta vedova e con i figli ormai adulti lontani, diventa l'eccentrica e solitaria stilista di un guardaroba della fantasia, dedicandosi alla realizzazione di abiti e accessori bizzarri (scarpe, borse, cappelli etc.) e riciclando ogni tipo di materiale: giornali e carta da imballaggio, bottiglie di plastica e sacchi di patate, tappi di bottiglie e confezioni di pannolini etc. Sono creazioni, che riempiono ogni angolo della sua casa, che lei fa solo per sé e che indossa personalmente solo una volta all'anno. Le sue opere, insieme a una documentazione fotografica, sono presenti nella collezione del MACC di Caltagirone.

Bibl.: E. Bruno, Nelle notti di Gilda, in “Rivista dell'Osservatorio Outsider Art”, n. 3, ottobre 2011, pp. 60-69.
 
Referenze fotografiche Ritratto e foto 1, 2, 5: Enrica Bruno foto 3: courtesy MACC, Caltagirone. Foto Vincenzo Piluso foto 4: courtesy MACC, Caltagirone. Foto Andrea Annaloro foto 6: Enrica Bruno (foto originale Andrea Annaloro)


Le ultime riviste di OutsiderArt

Scopri le storie coinvolgenti di artisti 'naturali' lontani dal mondo dell'arte organizzata.
Ti faremo conoscere da vicino l'altra arte contemporanea internazionale.